JavaScript must be enabled in order for you to see "WP Copy Data Protect" effect. However, it seems JavaScript is either disabled or not supported by your browser. To see full result of "WP Copy Data Protector", enable JavaScript by changing your browser options, then try again.

Blog

Credenze, vittime e creatori consapevoli

Conosci qualcuno che si prende la piena responsabilità per tutti i propri sentimenti e comportamenti? Come sarebbe la tua vita se smettessi di incolpare gli altri per quello che senti e per quello che ti succede? Come sarebbe la tua vita se avessi deciso che è tua e che l’avresti potuta creare consapevolmente in qualsiasi modo tu desiderassi?

In questo articolo vediamo il processo che ci porta ad essere Creatori o vittime delle circostanze, ed anche 10 “passi pratici” per l’attuazione degli “strumenti di cambiamento” nella tua vita.

credenze-vittime-creatori-liberarsi

I risultati della ricerca da parte di sociologi e psicologi hanno dimostrato che i sistemi di credenze degli individui hanno un profondo effetto sulla salute, sulla mente, e sul successo. I malati di cancro che credono di poter guarire i loro corpi sono molto più propensi ad andare in remissione, gli studenti che credono di poter andare bene a scuola hanno buoni rendimenti, e le persone che credono di poter avere successo avranno successo. In altre parole, “Possono perché pensano di potere“.

Secondo Bruce Lipton, biologo cellulare diventato un’autorità mondiale per quanto riguarda i legami fra scienza e comportamento, l’ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, e ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, felicità e amore. La conclusione delle sue ricerche è che i geni non controllano la nostra biologia, è invece l’ambiente a influenzare il comportamento delle cellule. Questo porta a nuove, importanti conseguenze per quanto riguarda il benessere, la felicità e la natura delle malattie come il cancro e la schizofrenia (1).

Le credenze sono ipotesi, pregiudizi, giudizi, idee, opinioni, e gli atteggiamenti attraverso i quali è filtrato tutto ciò che sperimentiamo. Le credenze non sono fatti – sono soltanto opinioni con aspettative collegate. Questi dogmi (che sono i principi, le credenze, o le dottrine generalmente ritenuti veri) sono il modo in cui strutturiamo la nostra comprensione della realtà. Sono le basi della nostra interpretazione, comprensione, o analisi di ogni situazione o evento. La maggior parte delle convinzioni sono ereditate dai genitori, dai media, dall’educazione, dalla religione organizzata, dalla scienza, e da altre importanti strutture istituzionali.

Un sistema di credenze fornisce un insieme di valori su cui basiamo tutto ciò che percepiamo, interpretiamo, sentiamo, diciamo o facciamo. Questo sistema definisce un “insieme di regole” con cui elaborare e memorizzare le informazioni attraverso le nostre menti coscienti. Molte delle nostre convinzioni di base sono al di fuori della nostra consapevolezza, al punto di dare per scontato che “questo è il mio modo” o “questa è la realtà” quando vogliamo giustificare le nostre convinzioni o le nostre azioni. Lo stress è un buon esempio di questo processo in cui noi, come individui, abbiamo un ruolo attivo nella formazione della risposta allo stress.

Una delle credenze diffuse nella nostra società è l’idea che siamo delle vittime. Le vittime si sentono impotenti, senza speranza, e deboli. Dicono “povero me” ed “è terribile“. Gli esempi di questa sindrome si manifestano nelle predizioni “delitto e castigo” esemplificate in campo politico, nel modello medico, nella religione organizzata, e così via. Arriviamo a credere che siamo incapaci di determinare ciò che è meglio per noi e ci aspettiamo che siano gli altri a dirci cosa è giusto per noi. Questa nozione di “impotenza” ci permette di giocare il gioco dell’autocommiserazione (povero me) e di rinunciare alla responsabilità di vivere la nostra vita in un modo che troviamo soddisfacente. Possiamo incolpare gli altri e continuamente usare scuse per non prendere in carico il nostro destino.

Qualcuno ha scritto che il potere della scelta è la più potente capacità umana. In altre parole, spetta solo a noi. E’ possibile liberarsi delle credenze che limitano la nostra naturale gioia di vivere.

Cosa vuoi essere, una vittima o un Creatore?

Le vittime si definiscono persone cui accadono le cose; i creatori sono persone che fanno accadere le cose. Le vittime credono che la vita accada loro. I creatori credono di essere responsabili della creazione della loro vita. ‘

10 passi pratici per passare da vittime a creatori

1. Smettere di incolpare gli altri per quello che sentiamo. Si tratta sempre di scegliere come interpretare gli eventi della vita.

2. Usare affermazioni come “Io merito il meglio di quello che la vita ha da offrire”.

3. Creare 5 affermazioni positive su 5 dei propri modelli di pensiero negativo. Mettere da parte il tempo ogni giorno (preferibilmente al mattino) per ripetere queste affermazioni 20 volte. Assicurarsi che questi pensieri non siano sostituiti da modelli di pensiero negativo durante il resto della giornata.

4. Visualizzare ciò che si desidera. La procedura per la visualizzazione è la seguente: a) percepire se stessi nella realizzazione con successo di ciò che si vuole, b) credere di poter realizzare i propri sogni, c) aprire noi stessi a tutte le benedizioni che ci offre la vita e d) celebrare i propri successi.

5. Praticare un “atteggiamento di gratitudine”. Dire grazie per tutte le benedizioni che si ricevono durante la giornata.

6. Cominciare un diario della gratitudine. Prima di andare a dormire ogni notte, annotare nel diario o promemoria 5 cose di cui siamo grati ogni giorno.

7. Cominciare un diario della gioia. Elencare le cose che ci fanno sentire felici. Quando si sta avendo una brutta giornata, tornare al nostro diario della gioia per rimettere a fuoco i momenti meravigliosi nella nostra vita.

8. Monitorare consapevolmente i nostri pensieri sostituendo quelli basati sulla paura con quelli basati sulla gioia. Secondo la Legge universale dell’Aumento, ciò su cui ci si concentra si espande.

9. Davanti a uno specchio, oppure ogni volta che ci vediamo nel riflesso di una vetrata, dire a noi stessi: “Io sono degno”.

10. Credere in se stessi. L’auto-apprezzamento è il fondamento per una forte autostima.

 Per approfondire

(1) Una selezione di libri di Bruce Lipton

EPIGENETICA: conversazione con Bruce Lipton

Tag: , , , , ,

Condividi questo post con il mondo!

 

© Copyright 2017 - Venusio WordpressTheme