JavaScript must be enabled in order for you to see "WP Copy Data Protect" effect. However, it seems JavaScript is either disabled or not supported by your browser. To see full result of "WP Copy Data Protector", enable JavaScript by changing your browser options, then try again.

Blog

[Il linguaggio dell’autoipnosi] Parole potenzianti

Le parole sono solo una parte della nostra vita, non è vero? E perché mai abbiamo bisogno di pensarci?

Nell’autoipnosi, il linguaggio usato nelle sessioni è molto importante. E il tipo di linguaggio utilizzato nell’autoipnosi può essere utilizzato anche nella vita di tutti i giorni, per migliorare il nostro dialogo interiore.

Le parole utilizzate nell’autoipnosi hanno connotazioni e significati profondi per ognuno di noi. Il significato di una parola non è univoco. Quello che è vero per me può essere qualcosa di completamente diverso per un’altra persona.

Pensa a un’occasione nella tua vita che è stata splendida; forse un buon compleanno, la nascita di un figlio, un matrimonio o una festa, forse un momento in cui hai ottenuto qualcosa, quando sei riuscito in un’impresa o forse un momento in cui sentivi tutta la forza della gioia o dell’amore.

Pensa a questa esperienza.

Ricorda quello che hai visto, ricorda e pensa ai suoni che hai sentito e pensa a come sai adesso ed a come sapevi in quei momenti di sentirti così bene.

In che parte del tuo corpo c’erano quei buoni sentimenti? Ora, mentre pensi veramente a quel ricordo e ti immergi in esso, pensa alle parole che useresti per descrivere quell’esperienza.

Queste sono le parole che suscitano la risposta più potente da dentro di te quando le usi nelle sessioni di autoipnosi e quando comunichi con te stesso in qualsiasi momento.

Pensa a queste domande:

  • Quali parole ti fanno sentire bene?
  • Quali parole ti danno buoni sentimenti?

Fai una lista delle parole che ti attirano. Puoi usare un dizionario dei sinonimi per avere un aiuto.

Chiedi a te stesso:

  • Come mi vorrei sentire?

Ecco alcune buone parole che potresti voler usare nella tua autoipnosi o semplicemente nella tua comunicazione: salute, pace, equilibrio, armonia, rilassato, fiducioso, buono, felice, potente, gioioso, calma, sintonia, vivace, amorevole, migliore, piacevole.

Tutte parole un po’ ovvie, ma è per dare l’idea.

E’ davvero importante, però, che tu usi effettivamente parole che abbiano un buon significato per te e che ti facciano sentire bene all’interno della tua autoipnosi o del tuo dialogo interiore.

Ora, aggiungiamo un paio di parole a cui pensare.

Pensa alle parole sempre di più e sempre di più. Queste parole saranno importanti per creare crescita, potenza e fluidità nella tua mente.

Vediamo come.

Considera questa frase:

  • come risultato del raggiungimento del mio peso ideale sono felice.

Questo è un buon modo per ricordarti che nel raggiungere questo particolare obiettivo (qualunque sia per te) sei felice.

Ottimo. Tuttavia, possiamo renderlo più potente cambiando un felice piuttosto statico in sempre più felice.

Non so te, ma io non vorrei mai pensare di aver raggiunto l’apice della felicità e di non poter andare oltre.

Felice è statico.

Per potenziare il modo in cui usi il linguaggio nel tuo dialogo interiore e nell’autoipnosi, puoi mobilitare le parole e farle andare avanti e verso l’alto per te.

Puoi cambiare felice in:

  • più felice e più felice
  • più e più felice
  • sempre più felice
  • progressivamente più felice
  • sempre più appropriatamente felice

Usa la formula che sembra giusta per te, usa solo altre parole per svilupparla e accenderla.

In un prossimo articolo vedremo quali sono le Parole da evitare.


Articolo di Anna Lombardini, liberamente ispirato al libro di Adam Eason The Secrets of Self-Hypnosis: Harnessing the Power of Your Unconscious Mind.

Tag: , ,

Condividi questo post con il mondo!

 

© Copyright 2017 - Venusio WordpressTheme